19 giugno 2017
Torna lo spettacolo dell'"Infiorata" a Chiaravalle della Colomba FOTO 
19 giugno 2017
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Infiorata di Chiaravalle della Colomba
Dopo la festa del Corpus Domini si può ammirare nell’abbazia cistercense di Chiaravalle della Colomba ad Alseno (Piacenza) lo stupendo tappeto fiorito, meglio noto come "infiorata", predisposto dai monaci con l’aiuto dei fedeli del luogo.

Si perpetua cosi una tradizione quasi millenaria fatta propria dai monaci cistercensi che hanno inteso solennizzare la festività del Corpus Domini, estesa alla Chiesa universale da papa Urbano IV, nel 1264, per intercessione di santa Giuliana da Liegi, anch’ella monaca cistercense. Giuliana nacque a Retinne (presso Liegi) nel 1191 e prese il velo nel 1207. Votata alla vita contemplativa e di preghiera ella ebbe molte visioni: preminente su tutte fu quella di vedere nel simbolismo del ciclo liturgico la mancanza di una solennità, quella della festa del Santissimo Sacramento. Per promuoverla ella si adoperò con tutte le sue forze, aiutata in ciò dall’arcidiacono di Liegi, Giacomo Troyers.

Questi, diventato in seguito papa Urbano IV, introdusse nella Chiesa la festa del "Corpus Domini", che in seguito venne solennizzata con l’istituzione della tradizionale processione, preceduta dallo spargimento di petali di fiori (la cosiddetta "Infiorata").

Prendendo spunto da questo avvenimento e considerando che tutti questi petali finivano calpestati e sparsi al vento nel giro di poche ore, i monaci cistercensi pensarono di "dare più consistenza" a questa cerimonia "bella ma effimera" con la realizzazione di un tappeto fiorito lungo le navate delle loro maestose abbazie.

In particolare a Chiaravalle il tappeto fiorito si protrae per tutta la navata centrale della basilica e restituisce uno stupendo colpo d'occhio ai visitatori che giungono numerosi ogni anno. Il tappeto è composto con fiori, foglie e quadri disegnati da un artista locale aiutata dai fedeli. Ogni anno i quadri del tappeto seguono un tema religioso, un buon motivo per ritornare a visitarlo.

Solitamente il tappeto è visitabile per le due settimane seguenti al Corpus Domini (orientativamente fino alla fine di giugno 2017) e a corredo vengono organizzati vari eventi come mostre, concerti e convegni.

Orari di apertura dell'Abbazia di Chiaravalle della Colomba: mattino: 8:30 - 12, pomeriggio: 14:30 - 18:30
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: