Chiudi X
12 febbraio 2017
E' del Piace il Derby del Po: Cremonese travolta (3-0) COMMENTI
12 febbraio 2017
foto di Max Gobbato della Redazione del Civico 11
a Garilli
foto da Fb del Piacenza Calcio
la curva cremonese
foto da Fb del Piacenza Calcio
a Garilli
foto di Max Gobbato della Redazione del Civico 11
foto di Max Gobbato della Redazione del Civico 11
foto di Max Gobbato della Redazione del Civico 11
tifosi al Garilli
al Garilli, Dosi, Cisini e il sindaco di Cremona Galimberti
al Garilli, Dosi, Cisini e il sindaco di Cremona Galimberti
PIACENZA - CREMONESE 3-0 (FINALE)
Pergreffi al 49'
Romero al 73'
Romero all'85'


Un Piacenza determinato e finalmente concreto in fase realizzativa fa suo il derby del Po giocato al "Garilli" davanti a 4800 persone (oltre 600 i tifosi cremonesi).

Dopo un primo tempo senza troppe emozioni, salvo la traversa colta da Taugourdeau, nella ripresa i biancorossi mettono sotto la Cremonese con l'incornata di Pergreffi e lo spunto di Romero, che approfitta di uno svarione difensivo.

Nel finale arriva la doppietta personale di Romero, servito alla perfezione da Saber.

Un vittoria meritata che proietta Franzini e soci fuori dalla crisi. A FONDO PAGINA I COMMENTI

IL VIDEO della partita da sportube.tv



IL COMMENTO di Luigi Carini

Dopo un primo tempo tutto sommato soporifero con un’unica emozione quando all’8’ Ravaglia devia sulla traversa una magistrale punizione di Taugourdeau, il derby del Po esplode nella ripresa con un susseguirsi di episodi emozionanti e spettacolari che hanno determinato un risultato esaltante e trionfale per la tifoseria biancorossa.

Anche se non riflette l’andamento della partita, certamente più equilibrata di quanto possa lasciare intendere il punteggio.

Ha vinto il Piacenza; anzi ha stravinto perché è stato meglio disposto tatticamente e perché dispone di una freschezza fisica e mentale che hanno fatto la differenza.

Ha vinto il Piacenza perché i suoi protagonisti sono entrati meglio nel clima del derby sovrastando gli avversari dal lato agonistico. Il gol nella fase iniziale della ripresa ha galvanizzato la squadra dando quella carica che avevamo ammirato all’inizio del campionato.

Ha vinto il Piacenza perché ha saputo soffrire mantenendo la lucidità necessaria quando la Cremonese ha prodotto il suo massimo sforzo nel tentativo di pareggiare.

In qualche circostanza la sorte ha anche aiutato i biancorossi (l’errore di Brighenti è stato davvero clamoroso) ma, è nostra convinzione, nel calcio la buona sorte aiuta sempre i più forti ed i più forti oggi al Garilli erano i biancorossi di Franzini.

Che hanno poi colpito inesorabilmente approfittando degli errori dei cremonesi confezionando un risultato impensabile alla vigilia, anche se le ultime giornate avevano denunciato una Cremonese in declino fisico e mentale ed un Piacenza in netta crescita di condizione.

I biancorossi, dunque, tornano alla vittoria dopo 6 giornate, lo fanno in una cornice di pubblico eccezionale e nella maniera più entusiasmante.

Franzini ha dato ancora una lezione, sia dal lato tattico (Romero e Masullo hanno svolto un ottimo lavoro di raccordo e di sostegno offensivo), che dal lato psicologico caricando la squadra nel modo più efficace.

Ha cominciato un po' contratta; poi è andata in un crescendo raveliano. Conforta il constatare che gli innesti di mercato si siano integrati negli ingranaggi della squadra dando ad essa maggior solidità ed equilibrio.

Rimarrebbero gli elogi per tutti i 14 giocatori impiegati, alcuni dei quali protagonisti di una partita davvero sopra le righe. Per loro vorremmo ricordare il più giovane De Cecco (20 anni) ed il più anziano, capitan Matteassi (38 anni). La loro prova è stata superba per rendimento, qualità e generosità.

LA CRONACA 

All'85' arriva il terzo gol: Saber sulla destra serve Romero la più facile delle doppiette: 3-0


Raddoppio biancorosso al 73' con Romero che approfitta dell'errore di Marconi e infila il portiere Ravaglia: 2-0

Piace vicino al raddoppio, Matteassi dopo un rimpallo tira in porta, miracolo di Ravaglia

Reazione grigiorossa, al 61' Procopio scatta sulla sinistra, cross, Stanco sul primo palo, deviazione Brighenti alta a porta vuota.

49' In vantaggio il Piacenza su azione dal corner, sfiora Matteassi che libera Pergreffi, colpo di testa e rete

Al via la ripresa al Garilli

Primo tempo senza reti al Garilli: Piace che domina per larghi tratti e va vicino al vantaggio con il legno su punizione di Taugordeau, Cremo meglio nel finale di tempo

Ancora biancorossi pericolosi al 21', prima con un cross di Di Cecco, poi con Matteassi fermato al limite

Al 14' traversa di Taugordeau su calcio piazzato, strepitoso Ravaglia, che devia sul palo

Prima azione degna di nota del Piacenza al 10' Romero salta su cross di Abbate ma sfiora soltanto


PIACENZA 3-5-2 Pelizzoli; Pergreffi, Silva, Abbate; Masullo, Saber, Taugourdeau, Matteassi, Di Cecco; Romero, Franchi.
All. Franzini.
A disposizione: Bertoli, Cazzamalli, Miori, Sciacca, Pozzebon, Colombini, Segre, La Vigna, Castellana, Nobile, Tulissi. 

CREMONESE 4-3-1-2 Ravaglia; Salviato, Canini, Marconi, Procopio; Moro, Porcari, Belingheri; Perrulli; Brighenti, Stanco.
All. Tesser.
A disposizione: Bastrini, Bellucci, Cavion, Galli, Lucchini, Maiorino, Ferretti, Redolfi, Scappini, Scarsella, Stanghellini, Talamo.

ARBITRO Matteo Proietti di Terni (assistenti Daniele Marchi di Bologna e Alessio Saccenti di Modena)

E’ la domenica del “Derby del Po”, si gioca per la settantaquattresima volta la sfida tra le due città confinanti, un lungo confronto iniziato nel 1935 e proseguito sino ai giorni nostri.

Da Cremona sono giunti al Garilli oltre 600 tifosi, in tribuna presenti anche i primi cittadini delle due città Dosi e Galimberti.

I COMMENTI dei protagonisti da Facebook del Piacenza Calcio
 
Commenti (27)

-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-

Inserisci commento: