Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
13 ottobre 2017
Riduzione rischio di disastri ambientali, Bonifica "Giornata per riflettere e agire"
13 ottobre 2017
Impianto della Finarda
Il 13 ottobre si celebra, ogni anno, la Giornata Internazionale per la Riduzione del Rischio di Disastri Ambientali.

Si tratta di una giornata istituita dall’ONU per riflettere sulle strategie e sui comportamenti da adottare per mitigare il rischio di disastri ambientali.

"Temi significativi per l’intera collettività e più che mai attuali - sottolinea il Consorzio di Bonifica di Piacenza in una nota -: non è un caso che a ridosso di questa Giornata è in calendario, anche a Piacenza, per sabato 14 ottobre, l’iniziativa “Io non rischio” a cura di amministrazioni comunali e Protezione Civile".

"Per il Consorzio quella del 13 ottobre è una data significativa dal momento che una parte rilevante delle nostre attività è proprio indirizzata al presidio idrogeologico. I nostri interventi in materia si declinano in modo differente a seconda della tipologia di territorio: in montagna operiamo nella lotta al dissesto idrogeologico (gestione e manutenzione di strade rurali, difese spondali, briglie, pulizia del reticolo di canali minori, …) e in pianura nella riduzione del rischio idraulico (gestione e manutenzione dei canali di bonifica e degli impianti)".

La manutenzione ordinaria - “La manutenzione ordinaria diventa di per sé un imprescindibile intervento di prevenzione”, ricorda il Presidente Fausto Zermani: “E’ indispensabile, proprio quando parliamo di prevenzione, porre l’accento sulla manutenzione”. Il Consorzio di Bonifica di Piacenza destina alla manutenzione ordinaria di impianti, canali e opere di bonifica montana circa i due terzi di quanto chiesto annualmente alla contribuenza (9 milioni e mezzo circa).

Gli interventi straordinari - La manutenzione ordinaria però non è sufficiente a riparare popolazione e territorio dai disastri ambientali, come i fenomeni degli ultimi anni hanno dimostrato. Si è dovuti infatti ricorrere, dopo importanti alluvioni o frane, a finanziamenti straordinari per poter fronteggiare i danni: "Si pensi - viene fatto notare - che, solo dal 2015, ricorrendo a ordinanze di protezione civile e con finanziamenti della regione Emilia Romagna, il Consorzio di Bonifica di Piacenza sta gestendo 2.202.000 euro, suddivisi in 10 cantieri".

La prevenzione - “Il nostro Consorzio, in tema di prevenzione strutturale - dice Pierangelo Carbone, Responsabile Ufficio Progettazione del Consorzio di Bonifica di Piacenza - ha messo a punto diversi progetti e studi per la realizzazione di casse di espansione (a protezione di aree urbane), di impianti di sollevamento (a protezione delle aree depresse), di scolmatori, di canali diversivi e di opere di bonifica montana. Progetti che richiedono, per la loro attuazione, adeguati finanziamenti. Siamo in attesa che prenda corpo e fattività il Piano Nazionale che affronta in modo sistematico, e su scala nazionale, il problema della lotta al dissesto”.

Anche il Consorzio di Bonifica di Piacenza ha partecipato alla stesura del Piano con progetti importanti relativi al nostro territorio. “Attendiamo”, prosegue Carbone “che dopo il finanziamento delle aree metropolitane il Piano possa dar corso al finanziamento degli altri progetti”.

L’educazione - “Alla manutenzione ordinaria e alla prevenzione va affiancata l’educazione a causa della sempre più difficile prevedibilità dell’entità dei fenomeni” - spiega Filippo Volpe, Direttore dell’Area Tecnica del Consorzio di Bonifica di Piacenza. “Occorre diffondere un’educazione al rischio in modo sistematico, soprattutto nelle aree più vulnerabili”.

Le riflessioni delle autorità e degli esperti - “Il tema del rischio di disastri naturali è purtroppo sempre attuale ma spesso viene sottovalutato o percepito come ‘distante’ da una larga fetta della popolazione” commenta Sandro Nanni di Arpae-SIMC (responsabile Centro Funzionale per il rischio idrogeologico-idraulico Regione Emilia Romagna).

L’assessore regionale Paola Gazzolo, Assessore alla difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna, ricorda gli interventi regionali: “Solo al territorio piacentino colpito dall’alluvione, in due anni sono stati destinati 31 milioni per 238 cantieri, oltre l’80% dei quali già chiusi. Nei prossimi mesi partirà un nuovo pacchetto di lavori per 3 milioni e mezzo di euro: comprende il consolidamento della frana dei Sassi Neri a Farini; la messa in sicurezza dell’abitato di Pecorara e gli interventi lungo i 20 chilometri dell’intera asta fluviale del torrente Arda".

"All’impegno nell’utilizzare in modo efficace e in tempi celeri le risorse, abbiamo unito l’istituzione dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile: mi piace definirla la prima Agenzia Resiliente del Paese, un’unica struttura che riunisce in sé l’intera filiera di prevenzione, protezione, previsione e intervento in caso di calamità. E ancora: abbiamo attivato un nuovo sistema di allertamento".

"A queste azioni serve comunque affiancare una vera alleanza per la sicurezza del territorio tra tutti i soggetti competenti. Insieme si può fare di più e meglio: in quest’ottica, i Consorzi di Bonifica costituiscono un elemento fondamentale. In collaborazione con Anbi (Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni), stiamo reinvestendo in montagna gli introiti della contribuenza di bonifica: solo a Piacenza, nel 2017, si avvieranno 40 cantieri in Appennino".

"Lo scorso luglio, con la L.R. 16/17, abbiamo inoltre tradotto in norma la sperimentazione di successo avviata in alcuni territori, dove ai Consorzi è stata affidata la gestione del reticolo idrografico minore: un modello virtuoso che mi auguro possa essere adottato anche alla nostra provincia”. 

Patrizia Calza, vice Presidente della Provincia di Piacenza, pone l’accento sul rapporto fra cambiamenti climatici, fragilità del nostro territorio e necessità di “attenzione particolare in termini di risorse finanziarie e di interventi di messa in sicurezza” sottolineando la necessità di “promuovere e sostenere iniziative volte a diffondere conoscenze e consapevolezza sull’importanza delle pratiche di prevenzione e mitigazione”.

Da Fiorenzuola d’Arda arrivano le dichiarazioni del sindaco Romeo Gandolfi: “Ritengo sia fondamentale sensibilizzare l’intera popolazione.” Il sindaco parla dell’importanza della periodica e costante pulizia di fiumi e torrenti. “Per quanto concerne invece il discorso dighe mi considero fortemente favorevole. Le dighe sono utili per mitigare il flusso dell’acqua e come risorsa idrica per il territorio. Fiorenzuola e la Val d’Arda devono ringraziare la diga di Mignano che ha evitato che succedesse il peggio durante l’alluvione del 2015 che al contrario purtroppo non ha lasciato scampo alla Val Nure”.

Il sindaco di Caorso, Roberta Battaglia, ribadisce la necessità della manutenzione.”Ritengo che sarebbe necessaria una maggior pulizia dei corsi. Indispensabile anche dragare i letti, perché non possiamo continuare ad alzare gli argini. Si dovrebbe mantenere una maggior pulizia dei canali. La sinergia fra enti e l’attenzione legata alla prevenzione risultano essere fondamentali”.

“La fortuna di vivere dove scorrono corsi d’acqua” - dice Manuela Sogni sindaco di San Pietro in Cerro - “non è scontata e non va sprecata. Divulgare la buona pratica della tutela, salvaguardia e valorizzazione del territorio da parte di ogni cittadino, in sinergia con Enti e Istituzioni, è un obiettivo importante e noi lo perseguiamo”.

Sergio Copelli, sindaco di Ponte dell’Olio e Presidente Unione Alta Valnure sul tema della riduzione dei rischi di disastri naturali richiama, fra gli interventi, il fatto di “aver dotato tutti i comuni di un piano di emergenza di Protezione Civile e ogni comune di un Centro Operativo Comunale, dotato di kit radio”. Punta poi alla definizione dei vari strumenti per informare tempestivamente la popolazione in caso di rischio (pannelli stradali, Alert System e campagna di reclutamento di volontari per la Protezione Civile il comune di Ponte dell’Olio ha poi introdotto i Referenti di Frazione di Protezione Civile).

Ancora sull’importanza della pulizia (di cunette, fossi e canali) è l’intervento di Giovanni Malchiodi sindaco di Ferriere che ribadisce, nel concreto di questa stagione, la necessità, approfittando dell’assenza di piogge, di fare la prevenzione idraulica: “in tali condizioni si lavora al meglio e quindi si può esser pronti poi a contenere eventuali disastri causati da piogge abbondanti”.

L’amministrazione comunale di Sarmato pone l’accento sulla numerosa popolazione faunistica (nutrie, istrici, tassi e volpi) che “sta provocando erosione e frane delle sponde e degli argini. E’ intenzione dell’amministrazione sensibilizzare quei cittadini, in grado di farlo, ad aderire ai nuclei abilitati, e già operanti, allo scopo di contenimento della fauna e alla prevenzione dei rischi causati da quella presenza”.

Una giornata, quella del 13 ottobre, "destinata a far riflettere e a far agire".
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: