Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
21 aprile 2017
Addio Cinema Iris: al suo posto negozi e appartamenti
21 aprile 2017
il cinema Iris
Addio cinema Iris. Il consiglio comunale dà il via libera alla ristrutturazione dell'immobile che ospita una delle storiche sale cinematografiche di Piacenza.

La delibera ha visto un consenso bipartisan, solo 4 gli astenuti, tutti della minoranza: Marco Colosimo (Piacenza Viva), e i consiglieri del Movimento 5 Stelle Mirta Quagliaroli, Andrea Gabbiani e Barbara Tarquini.

Ok quindi al nulla osta in deroga rispetto alla normativa attuale, per effettuare una ristrutturazione edilizia senza modifica della linea dell'edificio e con la conseguente dismissione del cinema situato all'interno.

Tra le motivazioni di accoglimento della proposta c'è infatti la volontà di scongiurare il crearsi, all'interno del centro storico, di uno spazio inutilizzato. L'immobile, una volta completato l'intervento, sarà destinato a attività commerciali e residenziali.

La storia dell'edificio è antica: il fabbricato ha origine dalla chiesa di Sant'Alessandro (1077), eretta sulle rovine della chiesa di San Lorenzo, oggetto di vari interventi nel corso dei secoli che ne hanno stravolto i caratteri originari.

Uno di questi avvenne nel 1856 prima dell'acquisizione da parte del Comune di Piacenza nel 1861, che comportò la chiusura della Chiesa e il mantenimento di una sola parte dell'edificio.

Un primo progetto, redatto nel 1870, prevedeva la realizzazione del mercato comunale coperto, ma che non vide la realizzazione. Ne fu quindi stabilita la destinazione d'uso a teatro. Nel 1919 la famiglia Leonardi, nuova proprietaria dell'immobile, procedette alla demolizione della chiesa e realizzò il cinema Iris.

Nel 1937 venne ampliata la galleria, mentre nel 1998, con un intervento di ristrutturazione edilizia, fu frazionato lo spazio interno, ricavando 3 sale diverse.

IL PROGETTO - Il progetto attuale prevede il mantenimento dei volumi dell'immobile, così come le caratteristiche tipologiche del prospetto e della copertura del fabbricato principale.

Al primo piano interrato saranno realizzate le autorimesse di pertinenza delle unità abitative, al piano terreno e primo troveranno sede due unità commerciali (una di mille metri quadrati e una seconda di 120 metri quadrati), al piano secondo ci saranno tre unità residenziali, come al terzo piano.

I lavori inizieranno presumibilmente tra la fine dell'estate e inizio autunno.  
Commenti (5)

-


-


-


-


-

Inserisci commento: