Chiudi X
08 agosto 2017
"Sicurezza urbana, linea comune sull’applicazione della nuova legge"
08 agosto 2017
L'incontro al comando di via Rogerio
Nei giorni scorsi, presso il Comando della Polizia Municipale di via Rogerio, si è svolto un momento di approfondimento sulla legge 48/2017 - che ha introdotto nuovi strumenti di tutela della sicurezza urbana e misure a garanzia del decoro di particolari luoghi - al quale hanno preso parte, oltre al comandante Piero Romualdo Vergante, i comandanti dell'Unione dei Comuni Val Tidone e dell’Unione Bassa Val d'Arda e Fiume Po, Marco Andolfi e Massimo Misseri, nonché i rappresentanti dell'Unione Valnure Valchero, dell’Unione Valtrebbia Val Luretta e della Polizia Municipale di Fiorenzuola d'Arda, Cadeo e Alseno.

Scopo dell'incontro, individuare una linea comune sull’applicazione della nuova normativa relativa alla sicurezza urbana tra i vari presidi provinciali della Polizia Municipale.

La legge 48/2017, tra le altre cose, ha infatti introdotto l'ordine di allontanamento (oda) per chiunque ponga in essere condotte che impediscano la libera accessibilità e la fruizione delle infrastrutture e di particolari luoghi quali stazioni ferroviarie, piazze, aree verdi e monumentali, siti storici e turistici (l’elenco delle aree cittadine è disponibile sul sito web del Comune di Piacenza all’indirizzo, www.comune.piacenza.it/comune/stampa/comunicati/decreto-sicurezza-la-201cmappa201d-urbana-a-piacenza), ovvero violi le norme poste a tutela del commercio e del decoro urbano.

“Nell'incontro – sottolinea il comandante Vergante - sono stati inoltre affrontati in modo costruttivo tutti gli aspetti della nuova legge, cercando di adottare iniziative e procedure uniformi e condivise".

"A questo momento di incontro ne seguiranno altri, in modo da poter affrontare altre tematiche professionali e tecniche in maniera sinergica, per dare alla collettività risposte omogenee e aumentare sempre di più la collaborazione tra i Corpi di Polizia Municipale della provincia”.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: