Chiudi X
15 febbraio 2017
"La scuola di radioprotezione non si tocca" Le preoccupazioni del sindaco di Caorso
15 febbraio 2017
Caorso
Il Sindaco di Caorso (Piacenza), Roberta Battaglia, in una nota esprime forti preoccupazioni per "le sorti della scuola di radioprotezione che da anni opera per la formazione di personale in tema di sicurezza, sia per i dipendenti di impianti nucleari, sia per le imprese esterne che operano a contatto con i medesimi impianti".

"Nonostante le rassicurazioni dell’Amministratore Delegato di Sogin spa, Luca Desiata, che aveva prospettato, in un recente incontro, la concreta possibilità - spiega la Battaglia - di accordi con le Università per potenziare la scuola di radioprotezione, e la posizione ferma dell’Amministrazione volta a non delocalizzare questo centro di formazione unico nel territorio italiano, vediamo che alle parole non seguono i fatti".

"Infatti è recente la notizia della sostituzione - prosegue - del Responsabile Strozzi, con un Responsabile facente capo alla struttura romana di Sogin spa, cosa non gradita in quanto la situazione dell’impianto è meglio conosciuta da chi da anni la vive. Queste continue delocalizzazioni verso l’apparato romano di Sogin spa ci sembrano screditare il nostro servizio e le nostre professionalità, inoltre lo stesso personale rimasto per svolgere le funzioni all’interno della scuola e la mancanza di investimenti atti a migliorare gli ambienti creano preoccupazioni".

"La scuola non si tocca - conclude -, lo abbiamo sempre sottolineato anche nell’Ordine del Giorno del nostro Consiglio Comunale e adesso ci aspettiamo azioni concrete e non solo parole".
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: