Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
09 settembre 2017
"Per Piacenza 8 milioni di potenziali utenti, ma si raccoglie solo il 5%"
09 settembre 2017
L'incontro su Piacenza capitale cultura 2020 all'auditorium della Fondazione
L'incontro su Piacenza capitale cultura 2020 all'auditorium della Fondazione
i gruppi di lavoro
i gruppi di lavoro
i gruppi di lavoro
"Piacenza ha un patrimonio straordinario, con otto milioni di potenziali utenti, ma oggi ne intercetta solo il 5%, quando la media nazionale è oltre il doppio, tra il 10 e il 12%. Una percentuale che nei prossimi tre anni può raddoppiare". 

Il tema è Piacenza capitale della cultura 2020 e a fare il punto della situazione è il commissario Paolo Verri, incaricato di "tirare le fila" del discorso in vista della scadenza del prossimo 15 settembre, quando la città sarà chiamata a confermare ufficialmente la candidatura.

Questa mattina il commissario, attuale direttore della Fondazione Matera Capitale europea della Cultura 2019, affiancato dal sindaco Patrizia Barbieri e dal presidente della fondazione Massimo Toscani, ha parlato ad un affollato auditorium di via San Eufemia, composto da autorità, rappresentanti delle associazioni culturali e delle istituzioni, che hanno riposto all'appello lanciato nei giorni scorsi dall'amministrazione.

Un "tutto esaurito" che per il primo cittadino è già una vittoria e rappresenta la volontà di lavorare insieme per questo progetto: "C'è grande entusiasmo e grande partecipazione, così si affrontano le sfide e tutti insieme dobbiamo far comprendere la grande risorsa che Piacenza ha da spendere". 

Saguatti della Camera di Commercio, al tavolo dei relatori in sostituzione del presidente Parietti, ha sottolineato come il concetto di cultura debba essere inteso anche in qualità di ambito in cui sviluppare attività economiche oltre che un modo per risalire la china della crisi, attraverso un ventaglio di iniziative. 

Il "faro" che può illuminare la strada da seguire, indicato all'unanimità, è la mostra del Guercino, di cui il presidente Toscani ha evidenziato i successi, anticipando che proprio ieri è stata inserita da un'associazione straniera tra gli 85 miglior eventi culturali al mondo del 2016.

Guercino come esperienza-guida per affrontare l'imminente candidatura, così come la partecipazione ad Expo 2015, sono state anche al centro della presentazione del commissario Paolo Verri.

"Quando sono stato contattato dall'assessore Polledri inizialmente ho cercato di dissuaderlo. Poi ho scoperto una realtà con un patrimonio straordinario e  che aveva promosso un'inziativa come il Guercino, che è stata portata a termine lavorando tutti insieme. Oggi Piacenza ha otto milioni di potenziali utenti, ma ne vengono raccolti circa il 5%, nonostante la qualità dei beni, dei teatri e dei musei. Attira meno della metà delle potenzialità naturali di una città come questa in Italia e in tre anni potrà raddoppiare questa "attrattività".

La parola chiave è "sistema di inclusione e partecipazione" e l'obiettivo creare un piano strategico anche in vista del 2022, per l'anniversario della costruzione del Duomo. 

I presenti si sono poi suddivisi in quattro gruppi di lavoro, incentrati rispettivamente sulla cultura a Piacenza come motore di sviluppo strategico, motore del turismo, occasione di inclusione, innovazione e sviluppo tecnologico.

In ciascuno dei quattro tavoli di confronto, i partecipanti potranno esprimere idee, suggerimenti e proposte, alla presenza degli esperti di Avventura Urbana, società che anche a livello europeo affianca le Amministrazioni pubbliche e le realtà private in programmi di rigenerazione urbana e nella costruzione di processi partecipativi.

In conclusione sarà esposto all’assemblea plenaria il risultato delle discussioni dei gruppi, facendo convergere le principali proposte nel dossier che gli esperti stanno stilando insieme al Comitato promotor.
Commenti (4)

-


-


-


-

Inserisci commento: