Chiudi X
05 maggio 2017
"Abbiamo riso per una cosa seria", Coldiretti e Africa Mission in piazza
05 maggio 2017
L'iniziativa
L'iniziativa
Da sabato 6 maggio torna il riso nelle piazze italiane - La nota stampa

La campagna “Abbiamo RISO per una cosa seria” è promossa da FOCSIV (Federazione Organismi Cristiani in Servizio Internazionale Volontario) a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo. Un'iniziativa che si avvale della collaborazione di Coldiretti e di Campagna Amica, il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, la diffusione nei Centri Missionari Diocesani della CEI Missio.

A portarla a Piacenza e provincia sarà Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, socio Focsiv e in prima linea a sostegno dell’agricoltura famigliare. Il Movimento di don Vittorione presenzierà con dei banchetti nel weekend del 6 e 7 maggio nelle parrocchie di Carpaneto, Gossolengo, Pittolo, SS.Trinità, Pianello, in quest’ultima anche nei mercati di Campagna Amica, mentre sabato 13 e domenica 14 maggio Africa Mission sarà presente nella parrocchia di Santa Franca e di San Giuseppe Operaio a Piacenza e San Rocco al Porto (LO).

Il Movimento porterà la campagna “Abbiamo RISO per una cosa seria” anche in provincia di Pavia, a Mede Lomellina il 21 maggio e nella provincia di Benevento e precisamente a: Bucciano in via Roma, Airola piazza Annunziata e Montesarchio piazza Umberto 1°.

Contadini italiani e del resto del mondo insieme ai consumatori consapevoli uniti per difendere chi lavora la terra, contro il suo abbandono, il caporalato e la schiavitù di chi sottopaga i prodotti agricoli e il lavoro nei campi. Una filiera di persone per sostenere le piccole comunità rurali, richiedere politiche adeguate, promuovere il valore dell'agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni.

Dal 14 aprile al 8 maggio con un SMS da cellulare personale o con una telefonata da rete fissa al 45529,  si potrà sostenere un unico grande progetto in Italia e nel mondo.

I 41 interventi dei Soci FOCSIV di agricoltura familiare nel mondo favoriranno 119.543 famiglie di contadini.

Uno degli interventi di agricoltura familiare è quello di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, impegnato nella realizzazione del progetto “Right to Food – Diritto al cibo in Karamoja” in Uganda.

«Lo sviluppo delle scuole agro-pastorali di villaggio è uno dei mezzi per garantire il diritto al cibo a una delle comunità più vulnerabili del Karamoja – spiega Carlo Ruspantini, direttore di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo - Grazie a questo progetto abbiamo migliorato la vita delle famiglie attraverso un sistema di risparmi e prestiti reciproci, l’obiettivo è infatti l’auto sostentamento delle comunità locali. Un progetto che coinvolge 6240 persone, 380 famiglie che con entusiasmo contribuiscono a sensibilizzare le comunità sul tema del diritto al cibo».

"Abbiamo RISO per una cosa seria" con i suoi pacchi di riso, soprattutto, sottolinea l'alleanza tra i contadini del Nord e del Sud del mondo con i consumatori uniti da una visione condivisa che mette al centro le persone e il lavoro dei campi, i territori e le tradizioni locali, le biodiversità e la salvaguardia dell'ambiente, lo sviluppo sostenibile e il diritto di rimanere sulla propria terra.

"Una grande forza, contadini e consumatori, uniti dalla Campagna per difendere in Italia e nel mondo chi lavora la terra e per garantire il diritto al cibo a partire dai più vulnerabili. - ha dichiarato Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV - Il nostro è un grande movimento, rappresentato dai milioni di chicchi di riso offerti dai nostri volontari i primi giorni di maggio, che ribadisce come nessuno di noi sia disposto a delegare alcuno per ciò che ci riguarda più da vicino: il liberarci dalla schiavitù dei prezzi imposti dalle multinazionali dell'agroalimentare, dal fenomeno del caporalato, dai condizionamenti dell'agribusiness, dai cambiamenti climatici e dalle cause che portano all'emigrazione di milioni di persone".

"Ben consapevoli che solo dall'agricoltura familiare si può avere una risposta alla fame, al bisogno di lavoro e allo sviluppo umano secondo una visione più equa e più giusta di democrazia alimentare e di ecologia integrale."

www.abbiamorisoperunacosaseria.it #risoxunacosaseria

Il comunicato stampa Coldiretti - Spezzare le catene dello sfruttamento e promuovere l'agricoltura familiare come risposta alle migrazioni in un mondo in cui oltre il 70% di quanti sono vittime della fame sono agricoltori, soprattutto piccoli produttori nel Sud del mondo, minacciati dalla distorsione nei sistemi di produzione e distribuzione degli alimenti che favorisce l’accaparramento delle terre e provoca la fuga dalle campagne verso i Paesi più ricchi dove spesso li attendono la sofferenza, l’emarginazione e il rischio dello sfruttamento.

È questo lo scopo dell’iniziativa di Coldiretti che insieme alla “Focsiv – Volontari nel Mondo”, promuove in tutta Italia per il fine settimana 6-7 maggio la campagna "Abbiamo riso per una cosa seria", che vedrà impegnati in 1000 piazze, parrocchie e mercati di Campagna Amica oltre 4000 volontari, con l’offerta di pacchi di riso 100% italiano della FdAI, Filiera degli Agricoltori Italiani, per una donazione minima di 5,00 euro, per fermare scafisti e caporali e garantire il diritto al cibo e la dignità di chi lavora la terra.

La campagna "Abbiamo riso per una cosa seria" sarà attiva anche a Piacenza per tutto il week end con i banchetti di Africa Mission nelle piazze e nelle parrocchie; domenica 7 maggio in particolare la vendita verrà realizzata all’interno del Mercato di Campagna Amica di Pianello dalle 9 alle 13 in Piazza Umberto I, mentre alle ore 18.00 avrà luogo una speciale Apericena presso La Faggiola, a Gariga di Podenzano, che ha lo scopo di promuovere la campagna.

Oltre all’offerta nelle piazze, fino all’8 maggio sarà possibile contribuire a sostenere un unico grande progetto in Italia e nel mondo con un Sms solidale da cellulare personale o con una telefonata da rete fissa al 45529 (*). I 41 interventi dei Soci FOCSIV di agricoltura familiare nel mondo favoriranno 119.543 famiglie di contadini.

Il Villaggio solidale nell'area di Rosarno in Calabria, realizzato insieme a Coldiretti, darà ospitalità agli immigrati sottraendoli allo sfruttamento del caporalato, garantendo loro un regolare contratto di lavoro per la raccolta stagionale.

“Purtroppo, afferma Marco Crotti, presidente di Coldiretti Piacenza, un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall’estero non rispetta le normative in materia di tutela dei lavoratori, a partire da quella sul caporalato, vigenti nel nostro Paese. Si tratta di un “caporalato invisibile” che sfrutta il lavoro minorile, che sottopaga gli operai, che li sottopone a rischi per la salute e che li tratta  alla stregua di veri e propri  moderni “schiavi”. Tutto questo non è più accettabile; è necessario garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, ci sia un percorso che guardi e tuteli prima di tutto la dignità della persona con una giusta ed equa distribuzione del valore.”
 
(*) Un SMS da 2 euro da cellulare personale WIND 3, TIM, Vodafone, Postemobile, CoopVoce e Tiscali oppure dalla rete fissa di casa da 2 o 5 euro TIM, Infostrada, Fastweb, Tiscali e da 5 euro Vodafone, TWT, Convergenze
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: