Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
09 ottobre 2016
Popolazioni colpite dal sisma, da Legacoop 3 milioni di contributi
09 ottobre 2016
Terremoto in centro italia (archivio)
Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Legacoop Emilia Romagna che alla  Biennale dell’Economia Cooperativa ha presentati i dati sul contributo delle cooperative alle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso: circa tre milioni di euro tra beni materiali e fondi.

Bologna, 9 ottobre 2016 - Assomma a quasi tre milioni di euro tra beni materiali (cibo, medicinali, moduli abitativi, libri, giocattoli) e fondi raccolti tra soci e dipendenti il contributo che le cooperative associate a Legacoop hanno finora destinato alle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso. Lo ha ricordato questa mattina il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti, aprendo l’ultima giornata di lavori della prima edizione della Biennalle dell’economia cooperativa in corso a Bologna a Palazzo Re Enzo. 

«Il dato è frutto una prima ricognizione effettuata tra le cooperative di maggiori dimensioni – precisa Monti –. Sicuramente siamo in presenza di una miriade di iniziative diffuse su tutto il territorio i cui risultati verranno resi noti in seguito nella loro interezza».  Oltre al fondo nazionale aperto da Legacoop, che ha già raccolto 162.000 euro, vanno segnalate le iniziative delle grandi catene di distribuzione cooperative: Conad, che propone ai propri clienti dI acquistare prodotti della linea Bassi e Fissi per i quali devolverà 50 centesimi ogni due ero di spesa; Coop, trasformando in euro i punti accumulati dai soci e attraverso CoopVoce, ha già raccolto tra due milioni di soci oltre 750.000 euro. 

«Le iniziative sono tante, il movimento cooperativo sta esprimendo la propria solidarietà con la consueta generosità – ricorda Monti –. Due settimane fa mi sono recato nel Comune di Montegallo per la inaugurazione di 22 moduli donati da CPL Concordia, trasportati da Transcoop e montati dalla Protezione civile dell’Emilia-Romagna dove hanno trovato sede strutture civili». 

CirFood ha donato, su richiesta del sindaco di Accumoli. 400 chili di carni fresche trasportate con un camion frigorifero messo a disposizione dalla Cooperativa 29 giugno. Restando nell’ambito della ristorazione, Camst ha proposto in 80 self-service la pasta all’amatriciana, raccogliendo così 20.000 euro per il comune di Amatrice. Medicinali sono stati recapitati da CNS e dalla Cooperativa Servizi Associati dell’Umbria; il Consorzio Pegaso ha messo a disposizione un minibus con autisti. Unicoop Firenze cofinanzia la realizzazione di una scuola antisismica del costo di 264.000 euro per il Comune di Cittareale, in provincia di Rieti. 

La Cooperativa di Comunità Santa Anatolia, ha attivato un centro di raccolta di beni; Legacoop Lombardia ha donato alla Cooperativa Riinascita 78 una nuova caldaia del caseificio. Formula Ambiente ha promosso un pranzo di solidarietà. UnipolSai ha varato un vero e proprio programma di sostegno alle popolazioni terremotate che si articola anche attraverso Unisalute e UnipolBanca. 
Infine, Alleanza delle Cooperative Italiane con Cgil-Cisl-Uil hanno dato vita a un Fondo, denominato “Un’ora vale due” sull’esempio di quello istituto per l’Emilia, che prevede che le imprese cooperative raddoppino le sottoscrizioni dei soci e dei lavoratori. 

«Va riconosciuto – ha concluso Monti – al Governo, alla Protezione civile e al Commissario Vasco Errani il merito di essere intervenuti in modo efficace, consentendo il normale avvio dell’anno scolastico e portando in poche settimane da oltre 5.000 a 1.200 le persone assistite nei campi, nelle strutture assistite o presso gli alberghi. Possiamo essere orgogliosi, in questo contesto, di quanto anche la cooperazione sta facendo e continuerà a fare».
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: