13 luglio 2017
Alla Pescarola seconda serata sui salumi piacentini Dop
13 luglio 2017
La serata
La serata
Seconda serata alla Pescarola per parlare di salumi piacentini DOP.

Dopo i saluti introduttivi di Rita Tagani Presidente dell’Associazione “Le nostre Radici” le tante persone presenti hanno potuto ascoltare Roberto Belli in un excursus storico sul radicamento dei salumi per il territorio piacentino: "Già nell’anno 1.000 A.C. la carne di maiale ricopriva un ruolo importante per le popolazioni che abitavano il nostro territorio. Etruschi e Romani utilizzarono per la loro alimentazione in abbondanza carne di maiale; lo stesso Annibale, dopo la battaglia della Trebbia, pare abbia voluto banchettare con le carni salate di maiale che si producevano in loco".

Le testimonianze dell’età medioevale, tra cui i pregevoli mosaici presenti nella chiesa di S. Savino a Piacenza e nella chiesa di S. Colombano a Bobbio, documentano la produzione dei salumi nel piacentino. Per arrivare al Cardinale Giulio Alberoni che fu il grande Ambasciatore dei salumi piacentini nelle più importanti corti europee.

La Dott.ssa Alessandra Scansani ha poi illustrato le tecniche di produzione di salame e pancetta piacentini, per passare a una esauriente degustazione guidata dando consigli per riconoscere pregi e difetti di questi due salumi.

Atteso relatore Ettore Ferri Chef del ristorante “La Colonna”, che, coadiuvato da Lorella Ferrari, coordinatrice per il Consorzio Salumi DOP Piacentini della serata, e da due studenti dell’Istituto Alberghiero di Piacenza, Mattia Fragnelli e Osmani Lorenc, ha presentato due ricette per diversificare l’uso dei due salumi: il ragù di pasta di salame piacentino per i maccheroni bobbiesi e un sushi di patate con Pancetta Piacentina .

Quest’ultima ricetta è stata poi messa in degustazione con un successo scontato.

Il format della serata ha pienamente soddisfatto i tanti partecipanti che hanno chiesto un bis per il mese di settembre.
Commenti (2)

-


-

Inserisci commento: