12 gennaio 2017
Un dolore che si rinnova per Piacenza: 20 anni fa la tragedia del Pendolino
12 gennaio 2017
La cerimonia del 12 gennaio 2017
La cerimonia del 12 gennaio 2017
La cerimonia del 12 gennaio 2017
la cerimonia
la cerimonia
la messa celebrata da Don Franceschini
la messa
la commemorazione dei 20 anni della tragedia del pendolino a Piacenza
la commemorazione dei 20 anni della tragedia del pendolino a Piacenza
Vicinanza alle famiglie delle vittime e impegno perché simili tragedie non avvengano più; questo il messaggio con cui Piacenza oggi ha commemorato il ventennale della tragedia ferroviaria del Pendolino.

Sono passati vent’anni esatti da quando, il 12 gennaio 1997, il drammatico deragliamento strappò alla vita Pasquale Sorbo, Gaetano Morgese, Agatina Carbonara, Lorella Santone, Cinzia Assetta, Francesco Ardito, Lidio De Santis e Carmela Landi.

In loro ricordo questa mattina è stata celebrata la santa messa nella sede del dopo lavoro ferroviario, alla presenza delle autorità cittadine, dei rappresentanti delle forze dell’ordine e dei famigliari delle vittime.

“Certe occasioni per una città non possono passare inosservate, sapendo che purtroppo non è un episodio isolato, come ci ricordano disgrazie simili accadute anche in altre città – spiega il sindaco Paolo Dosi nel discorso pronunciato al termine della messa–; c’è un dolore privato delle famiglie e un dolore pubblico, che ci impone di trasmettere alla comunità un maggior senso di sicurezza e di attenzione, per prevenire questi fatti.”

“Noi piacentini dobbiamo imparare ad essere più attenti e a sviluppare un senso di comunità – aggiunge il primo cittadino -; a tragedia può essere trasformata nella speranza e in un insegnamento positivo”.

Un augurio al quale si è unito anche il consigliere provinciale Stefano Perrucci. “Il miglior modo di rendere omaggio alle vittime è restare vicino ai loro famigliari” ha sottolineato Bernardo Clemente del Dopo lavoro ferroviario - ; lo abbiamo fatto con la commemorazione, con la stele, con l’intitolazione del parcheggio dei pendolari alle vittime e con tante altre iniziative, in cui i piacentini hanno mostrato la loro grande solidarietà”. 

La commemorazione si è poi spostata lungo i binari della stazione ferroviaria cittadina, dove sono stati deposti i fiori davanti alla stele in memoria delle vittime. 

A loro sarà dedicato, nell’ambito della rassegna “Ricorrenze in Musica”, anche il concerto organizzato dalla Fondazione Teatri di Piacenza e dall’Amministrazione comunale che vedrà protagonista, sabato 14 gennaio alle 21 al Teatro Municipale, il cantautore Eugenio Finardi e l’Orchestra del Conservatorio Nicolini diretta da Camillo Mozzoni.

Il rocker milanese sarà narratore di “Pierino e il Lupo” e commenterà “Il Carnevale degli Animali”, per concludere la serata con alcuni dei suoi brani più celebri. 
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: