17 maggio 2017
Sicurezza, il ministro Minniti "Serve alleanza strategica con i sindaci"
17 maggio 2017
l'incontro in prefettura
l'incontro in prefettura
l'incontro in prefettura
l'incontro in prefettura
l'incontro in prefettura
l'incontro in prefettura
I sindaci di Piacenza e provincia
I sindaci di Piacenza e provincia
Incontro in prefettura
Il ministro Minniti a Piacenza
l'incontro in prefettura
Pomeriggio a Piacenza per il Ministro dell'Interno Marco Minniti. In Prefettura ha incontrato i sindaci e i rappresentanti delle forze dell'ordine locali, per fare il punto rispetto alle recenti disposizioni normative sulla sicurezza nelle città

Dopo il saluto del prefetto di Piacenza Anna Palombi, ha preso la parola Paola de Micheli che ha ringraziato il ministro Minniti per il decreto sulla sicurezza. "E' nato con il contributo degli amministratori - ha detto il sottosegretario -. Non è un provvedimento di vertice, ma ha raccolto i bisogni dei territori con la modernità delle soluzioni proposte, come l'introduzione del concetto di sicurezza urbana che rappresenta un punto avanzato di un percorso nelle risposte alle esigenze dei cittadini".

"Dico grazie ai sindaci della loro presenza oggi qui e a Paola De Micheli per il lavoro che sta facendo al governo - ha esordito il ministro Minniti -. Il tema della sicurezza accompagnerà per lungo tempo le società moderne.

C'è un punto che considero molto importante: la sicurezza ha a che fare profondamente con la vita dei cittadini. Abbiamo messo in campo questo decreto con un obiettivo principale: quello di definire il concetto di sicurezza come un bene comune, perché va condiviso con tutti.

Occorre affrontare questo tema tenendo insieme più dati, anche le statistiche sono molto importanti per capire se le politiche di prevenzione o repressione funzionano. Ma da sole le statistiche non sono sufficienti: i reati sono in diminuzione, ma il concetto di sicurezza è un sentire o meglio un sentirsi. Siamo a un passo da il concetto di sentimento, per rispondere a questo non serve un solo tipo di misure ma servono più provvedimenti in un quadro complessivo". 

Minniti ha insistito sul tema del controllo del territorio per la prevenzione dei crimini, sia quelli legati alla minaccia terroristica che quelli predatori. "Non può esserci controllo del territorio senza un'alleanza strategica tra le forze dell'ordine e i sindaci - ha detto -. Questo è cruciale per il contrasto della criminalità diffusa. Per garantire la sicurezza di una piazza devo prevedere un presidio delle forze di polizia, ma poi c'è bisogno che quella piazza sia vissuta, sia abitata".

"Un'alleanza che presuppone dunque maggiori poteri ai sindaci, anche per la garanzia del decoro delle città. Non c'è piazza più sicura che una piazza più vivibile, i luoghi più sicuri sono quelli più frequentati - continua il ministro -. L'obiettivo è costruire nel tempo un nuovo modello di sicurezza, un ripensamento complessivo delle azioni da mettere in campo.

Di fronte alla paura dei cittadini lo Stato e i sindaci devono stare accanto a loro. Una democrazia impaurita è una democrazia più fragile, per questo è una questione fondante del nostro patto sociale occuparci della sicurezza. Su questi temi si gioca la tenuta del tessuto connettivo della società, si gioca il nostro futuro. È quello che propongo è un patto tra le istituzioni che va oltre le singole appartenenze politiche". 

A seguire il ministro Minniti, con il sottosegretario all’Economia Paola De Micheli, ha incontrato all'Auditorium S.Ilario il candidato sindaco Paolo Rizzi oltre ai candidati della lista del Partito Democratico e delle altre due liste civiche a sostegno di Rizzi.

IL VIDEO

 
Commenti (6)

-


-


-


-


-


-

Inserisci commento: