Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
31 marzo 2017
Festival del diritto di primavera, ospite il Ministro Finocchiaro
31 marzo 2017
la presentazione in Comune
Ad Aprile a Piacenza torna il Festival del Diritto. Il 6, 7 e l’8 infatti il tradizionale appuntamento culturale, con cui Piacenza ormai da qualche anno interroga i propri cittadini sulle tante problematicità del mondo contemporaneo, si terrà per la prima volta in un'edizione primaverile, che ruoterà attorno alla tematica della Dignità.

Il messaggio evidenziato dall’amministrazione uscente, durante la presentazione dell’evento è stato chiaro: “Il Festival del Diritto è un patrimonio della città che deve essere valorizzato”.

Il sindaco Paolo Dosi ha rivendicato infatti l’unicità e l’importanza di questo festival per la città di Piacenza, augurandosi che chi sarà a guida della città “sappia raccogliere l’eredità di questa iniziativa, patrimonio dell’intera comunità e non di una singola amministrazione”.

“In questa edizione” – ha poi aggiunto – “vogliamo mantenere vivi i valori del pluralismo e del confronto coinvolgendo accanto a grandi ospiti associazioni e studenti che da sempre costituiscono l’elemento originale di questo festival. Delle tante proposte partecipative pervenuteci ne abbiamo scelte ventuno.”

Tra i gli ospiti d’eccezione spiccano l’attuale ministro per i rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro; Antonio Viscomi, ordinario di diritto del lavoro presso l’università della Magna Grecia di Catanzaro e vice governatore Regione Calabria; ed Antonella Parisi, docente esperta di Diritto Internazionale.

Partecipazione e ascolto reciproco sono anche per gli assessori Giulia Piroli e Tiziana Albasi i valori fondamentali di questo festival “che continua ad offrire spunti di riflessione e di dibattito a tutta la cittadinanza”.

Durante la conferenza di presentazione sono intervenuti anche il docente di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica, Antonio Chizzoniti e i rappresentanti degli sponsor Claudia Civardi (Iren) e Carla Cogni, per Impresa Cogni.

Federico Tanzi
Commenti (2)

-


-

Inserisci commento: