13 marzo 2017
Romano De Marco presenta il suo ultimo libro alla Galleria Biffi
13 marzo 2017
Romano De Marco
Sarà presentato venerdì prossimo 17 marzo alle 18, alla Galleria Biffi Arte in via Chiapponi 39 a Piacenza, il nuovo libro dello scrittore Romano De Marco, “L’uomo di casa” (Piemme).

L’iniziativa rientra nel ciclo di incontri “L’arte di scrivere” a cura di Mauro Molinaroli, che periodicamente propongono autori italiani, alcuni molto noti, altri spesso in rampa di lancio.

Romano De Marco è uno scrittore di genere, i suoi libri noir hanno il pregio di catturare e tenere il lettore sul pezzo, così come questo suo ultimo lavoro, che a poche settimane dall’uscita nelle librerie ha ottenuto recensioni e commenti molto positivi oltre che un discreto successo di vendite. 

“L’uomo di casa”, oltre a ribadire le peculiarità particolarmente incisive dello stile dell’autore, consolida una nuova maturità narrativa, ponendo De Marco come nuovo maestro del thriller italiano a tutti gli effetti.

Coraggiosamente con questo suo ultimo libro esce dall’ambientazione tipica dei precedenti romanzi, cioè la Milano a tinte fosche tanto apprezzata nel libro “La città di polvere” (Feltrinelli), ambientando la nuova storia in una realtà completamente diversa come quella americana. Scelta difficile e scivolosa in quanto gli Stati Uniti racchiudono il contesto noir più classico e già ampiamente utilizzato da molti e dunque a rischio di pericolosi confronti.

De Marco stupisce, tiene la barra dritta e mette a disposizione del lettore vere e proprie immagini, quasi si trattasse di riprese cinematografiche, e riferisce modi di vita e stili di pensiero dei protagonisti con lucidità, senza divagazioni o sottolineature inutili. In questo caso sarà complice anche la dichiarata frequentazione personale dei luoghi, tant’è che la descrizione diventa puntuale e circostanziata, evidente frutto di un studio serio ed approfondito. 

La struttura del romanzo è fatta di capitoli brevi e concisi che alternano fatti accaduti in tempi diversi. Com’è nello stile di questo scrittore, i colpi di scena sono ben distribuiti e inaspettati cosicché la tensione narrativa rimane sempre altissima. Ergo, un ottimo thriller.

De Marco, abruzzese, 52 anni è responsabile safety di uno dei maggiori gruppi bancari italiani; esordisce nella scrittura nel 2009 con il romanzo “Ferro e fuoco” (Pendragon Edizioni). Nel 2011 esce il suo secondo romanzo “Milano a mano armata” con la prefazione di Eraldo Baldini (Foschi) che si aggiudica il Premio Lomellina in giallo. Nel gennaio 2013 è la volta di “La casa del diavolo” con l’etichetta TimeCrime (Fanucci), secondo classificato al premio Nebbia Gialla e finalista del Premio Scerbanenco. Nel gennaio 2014 esce il suo quarto romanzo “Io la troverò” (Feltrinelli), secondo classificato al Premio Nebbia Gialla e ancora una volta finalista Premio Scerbanenco. Nel 2015 pubblica due romanzi, “Città di polvere” (Feltrinelli), finalista al Premio Scerbanenco 2015 e “Morte di Luna”. Ha pubblicato racconti su “Linus” e sul Corriere della sera
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: