Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
13 dicembre 2016
Rotary Informa: Auguri per il Rotary Piacenza
13 dicembre 2016
Il nuovo logo Rotary
La serata

Gruppo Piacentino

(distretto 2050)

 

IL BLOG

 

  • Piacenza

  • Fiorenzuola d'Arda

  • Piacenza Farnese

  • Valtidone

  • Valli Nure e Trebbia

  • S.Antonino

- Cortemaggiore Pallavicino

Rotaract Piacenza
Rotaract Fiorenzuola


Auguri per il Rotary Piacenza
Splendida serata a palazzo Costa per la cena degli Auguri del Rotary Piacenza. Una cena magica, nella notte di Santa Lucia, ma soprattutto una cena in famiglia, un momento importante per condividere con gli amici del club l’attesa che precede il Natale.

Plauso convinto, dunque, alla Presidente Eleonora Savi che ha coordinato la regia di questo evento. Al centro della serata, a cui ha partecipato anche il Governatore del distretto rotariano 2050 Angelo Pari, l’attesa esibizione di Paola Rovellini, soprano piacentina, accompagnata dal Trio Anthology Ensemble composto da Denis Zannani, violino, Ciro Chiapponi, viola, Antonio Braidi, violoncello.

Un’esecuzione professionale e perfetta ,ma anche vibrante di passione che ha emozionato tutti. Paola Rovellini, manager nell’azienda della sua famiglia, ha ridotto, per ora, gli impegni in teatro, ma resta legata all’ambito musicale e non rinuncia a cantare in occasioni come quella di palazzo Costa, per il Rotary Piacenza.

Dall’Hallelujah di Leonard Choen, nella nota reinterpretazione di Jeff Buckley, a Morricone, fino a brani tratti dal repertorio musicale dei classici natalizi.

Intarsi musicali preziosi, che hanno scaldato una serata piacevole, elegante, ma priva di ostentazioni e, semmai, incentrata sui valori rotariani, oggi più che mai attuali e spendibili nella nostra società.

Lo ha ricordato la Presidente, Eleonora Savi, nell’augurio ai soci e ai tanti ospiti. E in concreto lo ha dimostrato con gesti semplici ma significativi.

I centrotavola realizzati dalle signore del Rotary Piacenza, coordinate da Natalia Rocca e Stefania Ponzini, sono stati venduti per raccogliere contributi a favore delle popolazioni terremotate e il tradizionale omaggio finale alle signore, portato simbolicamente da Santa Lucia, è stato un sacchetto di lenticchie di Castelluccio di Norcia, un borgo conosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza (e per la produzione di questo celebre bacello), devastato per il oltre il 60% dalle scosse del recente terremoto.

Un legume antico, dunque, come regalo simbolo di una cucina povera eppure ricca di proprietà salutari. Ma soprattutto un dono benaugurale, auspicio di fortuna e serenità di cui ora più che mai in tanti hanno bisogno.

Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: