Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
16 marzo 2017
Conservatorio "Nicolini", confermato il bonus Stradivari
16 marzo 2017
Il Conservatorio Nicolini
A partire dal 20 aprile 2017 gli allievi dei Conservatori musicali dell’Emilia Romagna potranno usufruire del bonus Stradivari per l’acquisto dello strumento musicale con la possibilità di accedere ai 15 milioni di euro messi a disposizione dalla misura.

Il Bonus, pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate, torna con delle importanti novità.

Dopo l’avvio lo scorso anno, il Bonus Stradivari, proposto da Raffaello Vignali, deputato di AP-NCD,  è stato infatti riconfermato anche per il 2017 prevedendo un ampliamento della platea dei beneficiari. Ad usufruirne del contributo potranno essere non solo gli studenti dei Conservatori di musica, come già previsto dalla norma, ma anche dei licei musicali, degli Istituti superiori di studi musicali e delle Istituzioni autorizzate a rilasciate titoli AFAM.

In particolare, per l’Emilia Romagna, la misura riguarderà ancora i prestigiosi Conservatori “G.B. Martini” di Bologna “G. Frescobaldi” di Ferrara, “B. Maderna” di Cesena, “G. Nicolini” di Piacenza, “A. Boito” di Parma, e, per la prima volta, gli Istituti di Studi Musicali – ISSM tra cui “Vecchi – Tonelli” di Modena-Carpi, “G. Verdi” di Ravenna, “Peri- Merulo” di Reggio Emilia -Castelnovo Ne’ Monti, “G. Lettimi” di Rimini, a cui si aggiungeranno gli studenti dei Licei musicali “L. Bassi” di Bologna, il Liceo Artistico e Musicale di Forlì,  “Carlo Sigonio” di Modena,  “Bertolucci” di Parma, e “Matilde di Canossa” di Reggio Emilia,  contribuendo a promuovere concretamente questa importante tradizione culturale sul territorio.

Il Bonus prevede quest’anno la concessione di un contributo una tantum pari al 65% del prezzo finale, e per un massimo di euro 2.500, per l'acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi.

“Come già nel 2016 – spiega Raffaello Vignali - il bonus, sarà utilizzato dagli studenti nella forma di uno sconto sul prezzo di acquisto - dietro presentazione di un certificato rilasciato dal conservatorio/liceo di appartenenza - il cui valore verrà recuperato da produttori e rivenditori con un credito di imposta sulle tasse da versare allo Stato, quindi senza anticipi da parte dello studente. Un sistema veloce e trasparente che premia gli studenti e sosterrà tante imprese artigiane del settore. Infatti i 15 milioni di euro del plafond disponibile contribuiscono alla crescita del fatturato degli strumenti musicale per oltre il 5%”
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: