11 settembre 2017
Sisma senza danni "In caso di emergenza a Morfasso non vanno i cellulari"
11 settembre 2017
a Morfasso domenica (foto Gallerati)
Fortunatamente non si registrano danni in seguito al terremoto di magnitudo 3.7 con epicentro nel territorio di Morfasso.

La scossa di domenica sera (10 settembre) è stata avvertita in diversi Comuni della fascia collinare di Piacenza.

I primi cittadini dei territori interessati si sono subito attivati, di concerto con la Protezione Civile e la Prefettura per effettuare i controlli del caso. 

MORFASSO - "Avevamo da poco terminato i festeggiamenti per la Festa Granda degli Alpini quando è scattato l'allarme terremoto - spiega il sindaco Paolo Calestani -. Sono stato subito contattato dalla Protezione Civile regionale e Nazionale, oltre che dal presidente della Regione Stefano Bonaccini e dall'assessore Paola Gazzolo.

Grazie alla collaborazione dei carabinieri abbiamo effettuato un sopralluogo, il nostro è un territorio vasto da coprire, circa 90 km quadrati. La scossa da alcuni è stata avvertita, altri cittadini erano più sorpresi dal fatto di vedere il sindaco suonare alla porta di casa.

Per fortuna non abbiamo registrato danni ma in questa situazione è emersa una criticità da noi più volte segnalata: a Morfasso abbiamo grandi problemi di ricezione, la telefonia mobile non funziona. In alcune frazioni, ad esempio San Michele, il segnale è a zero. Per fortuna ieri sera non è successo nulla, ma se ci fossimo trovati davanti a una reale emergenza? Coordinare i soccorsi sarebbe stato impossibile, con i cellulari non funzionanti". 

CARPANETO -  "Nessun danno anche a Carpaneto, dove la scossa è stata avvertita chiaramente - dice il sindaco Andrea Arfani -. Insieme ai volontari della Protezione Civile abbiamo effettuato sopralluoghi nelle frazioni e non abbiamo riscontrato danni. Ci siamo poi fermati in piazza per dare informazioni alla cittadinanza". 

LUGAGNANO - "Ieri notte ho fatto sopralluoghi personalmente agli edifici pubblici di prioritario interesse e quelli ritenuti più fragili - spiega il primo cittadino Jonathan Papamarenghi -. Questa mattina i tecnici comunali continuano una verifica più attenta delle strutture a partire dalla casa di riposo, il Comune (che è sede anche di protezione civile per i 4 comuni della valle in caso di emergenze), il nido, ed a seguire altri edifici.

Durante la notte ho invece sentito direttamente diversi cittadini di diverse zone del Comune (che copre tre valli) rilevando che il sisma non aveva creato danni ed era stato poco percepito nel capoluogo, quasi per nulla nelle zone di Veleia-Rustigazzo (che paiono essere quelle dall'epicentro, anche se si continua a dire Morfasso), mentre è stato percepito molto chiaramente nella bassa Valchero (Tabiano, a scendere fino a Carpaneto). 

Al momento comunque non si rilevano situazioni particolari seppur ho voluto avviare le procedure di verifica, a scopo cautelare, che sarebbero previste solo per eventi più "importanti".

PONTEDELLOLIO - Tante le segnalazioni arrivare al sindaco Sergio Copelli anche da residenti di Pontedellolio, ma fortunatamente non si registrano danni. "Abbiamo avviato da subito il monitoraggio insieme alla Prefettura, ma non si registrano danni a persone o a cose". 
Commenti (13)

-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-


-

Inserisci commento: