Chiudi X
12 settembre 2017
Il legame tra cura e insegnamento, 300 docenti riuniti in Cattolica
12 settembre 2017
il convegno (foto da Twitter U. Cattolica)
Il legame tra cura e insegnamento è il tema al centro del convegno "Cum Cura" che si tiene oggi, 12 settembre, all’Auditorium Mazzocchi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza.

Oltre 300 docenti che hanno aderito all'appuntamento che alla vigilia dell'inizio della scuola, si propone di indagare sul significato della dimensione della cura all'interno del contesto scolastico; del ruolo dell’insegnante che ha cura e si prende cura dell’ambiente, dei tempi di apprendimento, delle relazioni e dello stare bene a scuola come presupposti essenziali alla promozione e allo sviluppo del sapere.
 
La giornata di riflessione è promossa da “Scuole che costruiscono” la rete di Circoli Didattici e Istituti comprensivi piacentini nata nel 2016 con lo scopo di riflettere sulle pratiche didattiche attraverso un articolato programma di formazione per rinnovare l’ambiente di apprendimento e promuovere un miglioramento nello sviluppo delle competenze chiave e di cittadinanza.

Nel suo intervento il professor Daniele Bruzzone, della Facoltà di Scienze della Formazione Università Cattolica del Sacro Cuore, afferma: "La cura educativa consiste in quella specifica attenzione/dedizione a un altro essere umano che mira a consolidare in lui l'attitudine ad aver cura di sé e del mondo.

Essa si esprime nella cura della relazione, anzitutto, ma anche nella cura dell'intero dispositivo pedagogico (la cura dello spazio, del tempo, del processo educativo e - non da ultimo - la cura di chi si prende cura) e nella lotta a tutti quei fattori di impersonalità che possono fare di un luogo educativo un'organizzazione "incurante". 

“Il progetto “Scuole che costruiscono” nasce dal tentativo di riunire gruppi di docenti di uno stesso territorio, interessati a sperimentare percorsi di innovazione che possano incidere qualitativamente sugli apprendimenti dei proprio alunni. È un percorso complesso, nel quale la crescita individuale alimenta l’apprendimento collettivo verso la definizione di repertori condivisi e la costruzione di una professionalità riflessiva e consapevole. È un’idea di scuola comunità che diventa impresa socialmente condivisa.”

Il programma della mattina prevede i saluti del dirigente dell’Ufficio Scolastico di Parma e Piacenza,  Dott. Maurizio Bocedi e l’introduzione di Simona Favari, Dirigente Scolastico del Quarto Circolo.

A seguire gli interventi di Bruzzone e di Franco Lorenzoni, Maestro Elementare Fondatore e coordinatore della Casa-laboratorio di Cenci su La dimensione della cura nella pratica didattica I bambini pensano grande, dopo il break alle 11.45 Lucia Suriano, teacher di Laughter Yoga Docente Scuola secondaria interverrà su La cura del benessere di chi insegna e di chi apprende Educare alla felicità e, al termine, il dibattito sarà coordinato da Pierpaolo Triani.
 
Il pomeriggio sarà arricchito da numerosi laboratori.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: