Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
05 settembre 2017
La centralità della Val Tidone e dei suoi sentieri, un successo il convegno
05 settembre 2017
il convegno a Mulino Lentino
il convegno a Mulino Lentino
il convegno a Mulino Lentino
VIVO SUCCESSO AL MULINO DEL LENTINO DEL CONVEGNO SUI SENTIERI DEL TIDONE - La nota stampa
  
Vivo successo per il convegno tenutosi al Mulino del Lentino in comune di Nibbiano (Piacenza) sui “sentieri del Tidone” (situazione attuale e prospettive future), organizzato dalla Proloco di Caminata e dalla Casa della Rosa.

Altrettanto vivo il successo del gruppo Enerbia che – guidato da Maddalena Scagnelli - si è esibito nel corso del convegno, così inframezzando gli interventi dei relatori.

I lavori sono stati aperti da Pietro Luigi Bonoldi (Casa della Rosa), che ha esaustivamente spiegato la funzione che i cammini oggi svolgono anche dal punto di vista della promozione dei territori.

Alessandro Genesi ha quindi in modo dettagliato illustrato il sentiero del Tidone che costeggia il torrente, percorribile sia a piedi che a cavallo. Seguita con grande attenzione la relazione di Patrizia Raggio sulla Via degli Abati, con riferimenti storici di grande respiro sia al percorso Bobbio-Pontremoli che a quello Pavia-Bobbio.

E’ poi stata la volta di Eduardo Grottanelli (Mirabilia network) che ha intrattenuto i numerosi presenti su importanti aspetti della valorizzazione di sentieri e cammini, sottolineando l’apporto che può derivare all’iniziativa dagli appoggi istituzionali.

Tra l’altro, il convegno ha registrato l’apprezzata presenza del sindaco di Pecorara Franco Albertini, promotore – insieme ai colleghi di Nibbiano e Caminata, Giovanni Cavallini e Carmine De Falco – del referendum che ha portato alla nascita del primo ed unico comune riunificato della nostra provincia, che assumerà il nome – con la prossima primavera – di Comune dell’Alta Valtidone.

Le conclusioni della serata sono state affidate al Presidente esecutivo della Banca di Piacenza, Corrado Sforza Fogliani, che - dopo aver ringraziato per l’invito ed essersi complimentato, in particolare con Pietro Bonoldi, per la riuscita organizzazione dell’importante iniziativa – ha sottolineato che la stessa trova la sua ragion d’essere nella centralità della Valtidone e, a sua volta, nella centralità della terra piacentina, crocevia – già in epoca romana – di importanti vie consolari e non (Emilia, Postumia, Flavia e Francigena).

Il Presidente ha poi segnalato che, quanto al percorso Pavia-Bobbio, occorre definire, con l’appoggio delle comunità locali, una via (che potrebbe essere la prima “via illustrata” italiana, collegandosi ad eventi storici particolari dei singoli centri raggiunti) che si rifaccia al collegamento con Bobbio indicato da Paolo Diacono nella sua Historia longobardorum (di 40 miglia, ossia 64 km) o ai percorsi (uno per l’andata ed uno per il ritorno) dei monaci di Bobbio che raggiunsero in processione prima del 1000 Pavia per la traslazione della salma di San Colombano, invocato a testimone e a difesa dei loro possedimenti nei confronti del vescovo di Piacenza, nella vertenza avanti il re longobardo Ugo, che accettò poi le loro rivendicazioni.

Al termine – in una atmosfera entusiastica di viva partecipazione – gli auspici dei presenti per presto ritrovarsi al fine di varare concrete valorizzazioni dell’iniziativa.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: