Chiudi X
11 maggio 2017
A Bobbio 16 "occhi elettronici" contro l'inciviltà e i reati
11 maggio 2017
La conferenza stampa
La conferenza stampa
Più sicurezza e controllo del territorio, grazie a 16 "occhi elettronici" che saranno posizionati nel comune di Bobbio (Piacenza).

Quattro telecamere saranno preposte al controllo delle targhe dei veicoli, mentre altre 12, posizionate all'interno del Comune, serviranno come deterrente contro furti e episodi di inciviltà.

Ma è obiettivo del sindaco, Roberto Pasquali, estendere la rete di videosorveglianza fino a 20 telecamere, per poi spingersi fino alle frazioni del capoluogo dell'Alta Valtrebbia. 

L'iniziativa è stata presentata dal presidente della Provincia Francesco Rolleri, dallo stesso Pasquali, da Paolo Giovannini della Polizia Municipale dell'Unione Valnure e Valchero, Pietro Rebolini della Municipale di Bobbio e da Danilo Rebecchi di Adyda.

Il progetto, che vede come partner tecnici Adyda e Metronotte Piacenza, ha un costo di 40mila euro, sostenuto per metà dalla Provincia di Piacenza, come previsto dal “Protocollo d'intesa per la costituzione della rete provinciale di videosorveglianza" sottoscritto da diverse amministrazioni locali nel 2015.

Le telecamere saranno collegate al "cervellone" della Polizia Municipale dell’Unione Valnure e Valchero, e le informazioni raccolte saranno condivise, qualora fossero rilevate violazioni di legge, con tutte le forze dell'ordine presenti sul territorio. 

La rete attualmente gestita da Adyda, spiega il titolare Danilo Rebecchi, conta 60 telecamere suddivise sul territorio provinciale, e prossimamente sarà estesa anche a altre realtà della Regione Emilia Romagna. 
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: