Chiudi X
15 febbraio 2017
Coppa Cev, missione compiuta per Lpr a Novi Sad (0-3) 
15 febbraio 2017
Lpr
Novi Sad (Serbia) – La LPR sbriga la pratica Novi Sad in poco più di un’ora e, con un netto 3-0 (19-25, 23-25, 22-25), si qualifica ai Quarti di Finale di CEV Cup.

La gara di ritorno degli Ottavi di Finale presenta lo stesso risultato dell’andata ma con qualche difficoltà in più: se lo scorso primo febbraio i parziali erano terminati con abbastanza margine (25-20, 25-16, 27-25) Novi Sad questa volta mette alle strette una Piacenza che, spesso, ci mette anche del suo per complicarsi la vita.

I padroni di casa tentano il tutto per tutto per allungare il confronto e cercare di portare la LPR al Golden Set, ma gli uomini di Giuliani nei momenti più delicati hanno la giusta lucidità per spingere forte al servizio (8 ace) ed in attacco, grazie ad una buona prova di Hernandez (in campo per i primi due parziali segna 10 punti di cui 1 ace) e Parodi (13 punti, di cui 1 ace, 1 muro ed il 56% in attacco e ricezione).

Piacenza nel primo set (19-25) riesce ad allungare sui padroni di casa solo dopo il 15  pari e soffre il ritorno di fiamma di Novi Sad nel secondo, quando gli uomini di Osmankac bussano alla porte degli ospiti sul 23-24 dopo essere stati in svantaggio anche di 4 lunghezze. Ma è proprio in questa occasione che la LPR dimostra di essersi lasciata alle spalla la brutta prestazione in Campionato con Ravenna tornado a dar risalto al carattere e alla determinazione che fino ad ora la hanno contraddistinta.

La chiusura della seconda frazione sul 23-25 consegna alla LPR la qualificazione matematica ai Quarti di CEV Cup così Giuliani lascia spazio alla panchina per il terzo parziale che vede scendere in campo Tzioumakas opposto, Marshall di banda e Tencati al centro. Piacenza parte forte (3-8) ma Novi Sad, nonostante l’estromissione dalla CEV, lotta su ogni pallone e aggancia i biancorossi sul 10-10, sul 19 pari e poi nel finale sul 22-22. Sono Parodi (22-24) e Yosifov (22-25) a togliere le castagne dal fuoco e a chiudere la gara sullo 0-3.

Oltre alla buona prova corale della LPR la cosa più importante era tornare alla vittoria e lasciarsi alle spalle il passo falso commesso a Ravenna: la missione è quindi stata portata a termine.

Preziosa la prova dei centrali, di Hierrezuelo e Manià: Alletti (9 punti) e Yosifov (7 punti) sui 9 metri mettono in difficoltà Novi Sad che subisce, solo dai due, 4 ace (2 a testa); Alletti inoltre uscirà dal campo dopo 2 frazioni disputate con il 62% in attacco (che frutta 5 punti) e 2 muri vincenti. Hierrezuelo alla fine del terzo set totalizzerà 7 punti, di cui 2 ace e 2 muri e tornerà negli spogliatoi con il 75% in attacco, Manià con il 67% in ricezione.

Dall’altra parte della rete, a chiudere a doppia cifra e a far paura alla LPR Premovic (14 punti) e Kujundzic (11 punti, di cui 1 ace e 1 muro). Coach Osmankac per la gara di ritorno degli Ottavi di Finale di CEV Cup schiera in campo Radovic al palleggio, Premovic opposto, Kujundzic e Peric schiacciatori, Simic ePetrovic al centro, Pekovic libero.

Coach Giuliani risponde con Hierrezuelo in regia, Hernandez opposto, Parodi e Clévenot in posto 4, Yosifov e Alletti al centro, Manià libero.

Avvio a rilento per Piacenza che si porta sull’1-2 solo grazie al fallo di seconda linea di Premovic, Novi Sad avanza grazie all’attacco di Kujundzic che non viene difeso a dovere da Hierrezuelo (3-2). La LPR si riprende con Yosifov (3-3) supportato da Parodi (3-4) e Hierrezuelo vincente a muro su Premovic. Novi Sad si rimbocca le maniche ritrovando il pareggio sul 5-5 e fuggendo in avanti anche avvantaggiata da alcuni errori di Piacenza in battuta ed attacco (9-6).

Clévenot lavora di fino per il 10 pari ma Novi Sad ritorna in cattedra per il break di 3-0 che consegna ai padroni di casa il 13-10 (con due attacchi out di Piacenza) quindi Giuliani richiama i suoi in panchina. Alletti viene murato per il 14-10 ma proprio il centrale biancorosso innesca la rimonta: dopo il suo 14-11, la LPR inizia a murare forte con Parodi che si aggiudica il 14-13 e decreta questa volta la richiesta di time out di Novi Sad. Alletti sui 9 metri picchia pesante e firma due ace consecutivi (14-14 e 14-15) che trasmettono la giusta carica ai compagni di squadra che schiacciano il piede sull’acceleratore: Hernandez (15-16) e Hierrezuelo (muro 16-18) si lasciano alle spalle Novi Sad che vacilla in difesa.

Parodi conquista l’ace del 16-19 poi lascia la strada a Clévenot a muro (16-20) e a Yosifov in attacco (17-23). E’ Yosifov, in battuta, ad avvicinarsi alla chiusura del primo parziale: il suo ace (17-24) blocca i padroni di casa che tornano a punto solo con l’invasione a muro di Hierrezuelo (19-24). Il punto del 19-25 spetta a Alletti.

L’avvio della seconda frazione è molto simile alla prima: molti errori in casa biancorossa compromettono la partenza. L’errore in rotazione in casa LPR decreta subito l’1-0 poi l’attacco out di Parodi (2-1) ed il muro subìto da Hernandez (4-2) fanno correre i padroni di casa fino al 6-4. Alletti (6-5) e Hierrezuelo (ace 6-6) riportano in parità il parziale ma solo momentaneamente: la successiva battuta out del palleggiatore cubano e l’errore in ricezione di Parodi regalano il primo time out tecnico ai serbi avanti di 2 lunghezze (8-6).

La LPR ritorna in carreggiata: Alletti (9-8) e Parodi (9-9) tornano a murare quindi coach Osmankac  richiede time out. Piacenza sembra allontanarsi dal punto a punto sull’11-12 dell’ace di Hernandez ma ci vorrà il 14-15 di Alletti ed il 14-16 di Hernandez per tenere a bada i serbi sempre pronti a riagganciare gli ospiti. Al rientro dal secondo time out tecnico la LPR torna a picchiare forte in battuta: con Hierrezuelo sui 9 metri (14-17) Alletti firma il nuovo break di 0-4 che porta Piacenza sul +4 (14-18) e Novi Sad in time out.

I padroni di casa non sventolano bandiera bianca: il muro biancorosso che finisce sull’asta (17-19) unito ai punti in attacco di Simic (20-22) e in battuta di Kujundzic (ace 21-22) mettono il fiato sul collo agli ospiti che corrono ai ripari richiamati in panchina da Giuliani. Hierrezuelo segna il 21-23 di seconda intenzione ma il muro out di Alletti (22-23) e l’attacco di Novi Sad del 23-24 fanno tremare Piacenza che chiude ogni possibilità ai padroni di casa con Hernandez vittorioso sul 23-25. Piacenza, con la vittoria del secondo set, è automaticamente qualificata per i Quarti di Finale di CEV Cup.

Con la qualificazione in tasca Giuliani rivede il sestetto in campo lasciando respirare alcuni dei titolari: dentro Hierrezuelo al palleggio, Tzioumakas opposto, Parodi e Marshall di banda, Tencati e Yosifov al centro, Manià libero.

Nel terzo set Piacenza parte spedita con Yosifov (2-4) e Parodi (2-5) capaci di lasciarsi alle spalle i padroni di casa fino al 2-6 del time out dei padroni di casa. Con Parodi la LPR corre al primo time out tecnico sul +5 (3-8) poi i due errori in difesa di Parodi e Tzioumakas regalano il 5-8 a Novi Sad. Marshall fa suo il 5-9 ma Novi Sad non è doma: Premovic si porta sul 7-10 e l’8-10 del muro out di Piacenza porta Giuliani a mettere in pausa il gioco.

Il time out questa volta non è favorevole agli ospiti che subiscono il 12 pari del proprio muro out. Premovic cerca il sorpasso (13-12), Tzioumakas annulla (13-13), Yosifov tenta la fuga (15-16 e ace 15-17) ma Novi Sad si rifà sotto con Tencati murato per il 17-18. Peric solca il terreno biancorosso con l’ace del 19 pari, Tzioumakas si allontana immediatamente per il 19-21 e per il 20-22, Novi Sad mura il tentativo di Tzioumakas e recupera i piacentini sul 22 pari. Parodi sale in cattedra per il 22-23 e 22-24 quindi Novi Sad chiede tempo ma invano: Yosifov mura prontamente per il 22-25 conquistando set e match.

VOJVODINA NS SEME NOVI SAD - LPR PIACENZA 0 - 3
(19-25; 23-25; 22-25)


Vojvodina NS Seme NOVI SAD: Premovic 15, Radovic 0, Kujundzic 12, Simic 6, Peric 6, Petrovic 3, Pekovic (L), Stankovic (L), Kovacevic 0, Ilincic 0. N.E. Nadazdin, Todorovic, Mehic, Vucicevic. All. Osmankac.
LPR Volley PIACENZA: Hierrezuelo aguirre 7, Clevenot 3, Alletti 9, Hernandez ramos 10, Parodi 13, Yosifov 7, Mania (L), Di martino (L), Tencati 1, Tzioumakas 4, Marshall 3. N.E. Cottarelli, Papi, Zlatanov. All. Giuliani. ARBITRI: Akhundov, Todorov. NOTE - durata set: 22', 26', 24'; tot: 72'.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: